Gli ultimi paladini: Falcone e Borsellino

Alessandro J. Bianchi – Experia

Gli ultimi paladini. Su Falcone e Borsellino

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini. (G. Falcone)

nell’ambito della Rassegna Teatrale “QUELLI di PORCARI

con
Maurizio MONTE
Alessandro J. BIANCHI

regia ALESSANDRO J. BIANCHI
scene e musica MAURIZIO MONTE

produzione Experia / Empatheatre / Gentilgesto, esercizi d’arte quotidiana

Costo biglietti
INGRESSO 5 euro
tolte le spese vive dell’Auditorium, il ricavato andrà a totale sostegno delle Compagnie Teatrali porcaresi.

Info & Prenotazioni
Biblioteca Comunale di Porcari 0583 211884 – Lunedì, Mercoledì e Venerdì: 15.30 – 18 Martedì e Giovedì: 10 – 14

Sinossi
Ci sono tempi e luoghi che non si dimenticano. Ci sono “fatti” che si conficcano nella memoria collettiva, sfidano i giorni e non vanno più via. Provate a chiedere a uno qualunque dei vostri conoscenti dove si trovava (e cosa faceva) il giorno del rapimento di Aldo Moro o in quello dell’attentato alle Torri Gemelle. Difficile possa rispondervi non ricordo: la cronaca si trasforma in storia a partire dalla propria resistenza all’oblio.
Dalle stragi di Capaci e Via D’Amelio sono volati vent’anni e sembra ieri. Nel ricordo dell’Italia che resiste, i magistrati Falcone e Borsellino vivono ancora; i loro volti assurti a simboli di una lotta alla mafia che non è finita e non finirà: perché i santuari del malaffare organizzato non sono più là dove si è creduto che fossero e perché i nuovi mafiosi, da qualche tempo, vantano curriculum e facce da gente per bene.
Il teatro si fa portavoce, veicolo di speranza, mezzo di chi fa di questa memoria, azione attiva e continuo desiderio di comunità libera e giusta.
“Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.” (G. Falcone)

La compagnia
Il progetto teatrale “Gli ultimi paladini. Su Falcone e Borsellino” nasce dall’incontro di un attore palermitano e un attore e regista toscano e dalla loro passione per la cultura della cittadinanza, della “polis” come luogo privilegiato di crescita di una umanità consapevole e felice.  è un incontro anche tra due compagnie teatrali e un’associazione di promozione sociale.
Empatheatre, opera nel carcere di San Gimignano, Experia che con questa collabora da diversi anni su tematiche sociali e di cittadinanza e Gentilgesto, esercizi d’arte quotidiana che opera in Sicilia nella promozione del benessere attraverso una educazione alla creatività.

domenica 19 maggio 2019
21:15 (1h 25′)

AUDITORIUM – Porcari

Condividi